Seguici sui social!

La sessualizzazione dei gruppi femminili nelle esibizioni scolastiche
Posted by

La sessualizzazione dei gruppi femminili nelle esibizioni scolastiche

Originale su :

 

Con 300-350.000 nuovi militari ogni anno, uno dei servizii di leva più lunghi al mondo, ed un raccapricciante – ma la situazione tende costantemente al miglioramento- record di atti di bullismo , fornire alle proprie truppe ampi momenti di intrattenimento è sempre stata una delle principali preoccupazione della Difesa sudcoreana. Di conseguenza, la teletrasmissione delle visite da parte di girl-group ed intrattenitori vari è diventata una parte della cultura popolare coreana, anche se bisogna fare presente che questi si esibivano originariamente per i soldati statunitensi, come spiegato nel raccomandatissimo saggio “Koreans Performing for Foreign Troops: The Occidentalism of the C.P.C. and K.P.K” di Roald Maliangkay.

Dato tale contesto, è naturale che i gruppi femminili -ed anche maschili- finiscano per esibirsi regolarmente nelle scuole, seppure per ragioni di autopromozione piuttosto che patriottiche. Comunque, come dimostrato da una performance nello scorso Settembre del gruppo di danza Waveya magari questi non sempre adattano i toni delle loro coreografie al loro pubblico adolescenziale.

Naturalmente non ho nulla contro le Waveya, e chiaramente i balletti sexy vanno benissimo per un pubblico adulto. Inoltre, quale girl-band o boy-band non ha mai superato la linea, sia accidentalmente che volontariamente per fini promozionali?

Tuttavia, questa performance in particolare sembra nient’altro che la riproposizione delle canzoni pop più “osè”, ovvero un volontario mash-up delle loro coreografie più provocanti. Aggiungiamoci che le Waveya si autodefiniscono un “sexy dance group”, incluse le foto in succinte divise da scolarette che tengono in home page, e risulta strano -ma allo stesso tempo ci dice molto- che vengano invitate così spesso ad esibirsi nelle scuole



Dovrebbero esserci delle restrizioni sulle esibizioni nelle scuole, sia che si sia tratti di girl-band o boy-band?

Un’ obiezione potrebbe essere che i ragazzini possono -e lo fanno- guardarsi certi video (senza parlare della pornografia) direttamente dai loro smartphone, e quindi smorzare i toni di tali esibizioni nelle scuole risulterebbe ingenuo ed inutile. E probabilmente è un’ osservazione ragionevole.

D’altro canto, stiamo parlando di donne adulte che allargano le gambe a soli 3 metri di distanza dalle facce di un gruppo di ragazzini, un’ esperienza molto più viscerale rispetto a quella che si ha guardando un video (e sicuramente ci sono state lamentele per la prestazione di settembre). Al di là del fatto che uno creda che le Waveya siano vittima di oggettificazione sessuale o meno
, o se ciò debba essere necessariamente negativo, performance del genere ripetute nelle scuole Coreane potrebbero sicuramente diventare un potente agente di socializzazione. Basti pensare a come i Corea siamo circondato dalle doumi, modelle poco vestite che ci vengono proposte come “assistenti” con il compito di attirare la nostra attenzione verso il locale o prodotto sponsorizzato.

E’ vero, sto dando un giudizio di valore e forse sembra che io stia facendo un discorso in cui simpatizzo queste donne. Non è che sono irritato perchè “sono triste per la loro condizione” o perchè voglia combattere per i loro diritti umani; solo credo che mostrare pelle nuda al semplice scopo di vendere dentifrici o rasoi sminuisce il valore dell’ intera impresa. Quando dico questo, riconosco che “il sesso vende” e che modelle fighe possono essere il piacere per gli occhi che può incoraggiare all’acquisto, e chi produce automobili o elettronica costosa ne fa un largo uso. Però, assumere modelle straordinarie che presentano prodotti straordinari sembra appropriato, vederle mostrare oggetti quotidiani ed ordinari mi sembra semplicemente inefficace ed umiliante…

 

0 Comments Off on La sessualizzazione dei gruppi femminili nelle esibizioni scolastiche 1510 14 May, 2016 Moda e Società May 14, 2016

Articoli più recenti

  • Cosa significa essere una taglia “Large” in Corea?
    Cosa significa essere una taglia “Large” in Corea?
  • ‘Busted!’, in onda su Netflix, non è il solito show coreano.
  • L’ultimo libro di Byung-Chul Han : ‘Nello sciame”
  • Guida per principianti alla moda coreana, in 10 punti
  • Oh Yeon Seo per ‘1st Look’
  • Molestie sessuali contro youtuber coreana : l’ attrice Bae Suzy abbraccia la causa della vittima
  • Le nostre 5 video-presentazioni preferite di Produce48
  • “A Korean Odissey”, drama coreano su Netflix
  • Le Fiestar si sono sciolte
  • Scandalo Fantagio; in pericolo Weki Meki, Astro ed Hello Venus?
  • Freshly Juiced Vitamin C Serum di Klairs : un portento contro acne, punti neri e difetti della pelle
  • “You and I” delle Dreamcatcher rappresenta esattamente ciò di cui il kpop ha bisogno oggi
  • Perché i giovani coreani rifiutano il matrimonio?
  • Lee Yeo Reum per Nylon Magazine
  • Cosa fanno le Lovelyz per combattere lo stress?
  • Le Blackpink hanno appena finito di filmare il Music Video per il loro comeback!
  • Kim Yuna per Marie Claire
  • Kim Tae Ri per ‘J.Estina’
  • 4 motivi per guardare ‘Stranger’ su Netflix. Oggi!
  • Le assurde diete delle celebrità coreane
  • I nostri 8 beauty product coreani preferiti del 2018
  • Kim Sung Ryung per Instyle
  • Le TWICE guadagnano l’ 11esima vittoria con “What Is Love?” allo “Show Champion”!
  • La Jeju Air è la prima compagnia coreana a permettere alle hostess di indossare gli occhiali

I più letti

Ultime aggiunte